Sofia Icona indiscussa del cinema italiano, dai meravigliosi occhi a mandorla ed i seni abbondanti, Sofia Loren è il simbolo in tutto il mondo della bellezza della donna italiana.

Pupella Soprannominata così perché a due anni debuttò in teatro, in una scatola interpretando una bambola di pezza, Pupella Maggio, figlia d’arte è stata un mito del teatro napoletano. Allieva di Eduardo De Filippo ha interpretato le più belle commedie napoletane.

Titina La più celebre attrice del teatro napoletano, sorella degli altrettanti mitici Eduardo e Peppino de Filippo. Protagonista di capolavori come Napoli milionaria, Questi Fantasmi e Filumena Martorano che fu scritta per lei.

Matilde Scrittrice d’avanguardia, autrice di meravigliosi libri come Il ventre di Napoli, Matilde Serao è stata la prima e forse l’unica donna a fondare e dirigere un giornale, il Mattino, che rimane ancora oggi “IL“ quotidiano di Napoli.

Ria Rosa Forse la “sciantosa” più acclamata, il mito del Caffé Chantant alla Sala Umberto di Napoli, femminista, ironica e talentuosa, si trasferisce a New York e diventa la “Cantante degli emigranti”. Grazie a lei la musica napoletana oggi è famosa in tutto il mondo.

Catarì A lei è dedicata una delle più belle e romantiche canzoni napoletane scritta da Salvatore Cardillo nel 1911 e interpretata per la prima volta da Enrico Caruso, poi da Tino Rossi nel film Naples au baiser du feu e dedicata in tributo a Greta Garbo in una bellissima interposizione dal tenore Marino Van Wakeren.

Elenuccia Ci diceva sempre che era nata nell ‘ 800 e a noi sembrava surrealistico. Come tutto di lei, perchee' Elenuccia poteva fare su e giu' dal quarto piano mille volte al giorno e star seduta a “guardar isse che duorm” quando Luigino faceva la siesta. Nonna, questa stanza e' dedicata a te.

Fanny Non poteva mancare una stella della danza, perché la danza è la mia grande passione. Fanny è stata una delle più grandi danzatrici dell’epoca romantica. Il suo debutto e successo al San Carlo di Napoli le permettono di poi ballare nei più importanti palcoscenici d’Europa.

Vittoria Una influencer del ‘ 500 ed in più poetessa, Vittoria Colonna adorava Ischia. Grazie alla sua amicizia con personaggi come Ariosto, Tasso, Michelangelo, Aretino la trasformò negli anni del suo soggiorno, nel salotto culturale d’Italia.

Maddalena Operaia ribelle e rivoluzionaria dei tempi moderni, Maddalena Cerasuolo con sua sorella ed i suoi figli organizzò durante “Le quattro Giornate” la difesa del quartiere Materdei e poi del rione Sanità, considerato l‘entrata al cuore di Napoli.

Luisa Nobile e aristocratica, Luisa Sanfelice si trasforma con il suo amante, in attivista della effimera Repubblica Partenopea e per questo viene arrestata e incarcerata. Gioacchino Toma ha dedicato al suo soggiorno in prigione un bellissimo dipinto, Alessandro Dumas un romanzo sulla sua vita, ed i fratelli Taviani un film tratto dall'omonimo romanzo.

Maruzzella È la protagonista di una delle più belle canzoni d’amore napoletane interpretata da Renato Carosone e cento altri grandi artisti napoletani. Renato scrisse la musica per sua moglie Marisa affettuosamente chiamata Maruzzella.

Il piacere di sentirsi a casa


In ogni camera sono presenti l’ aria condizionata, la cassaforte e la possibilità di TV e Wi-Fi
Terrazza Bar vista mare, Cena in terrazza su prenotazione, Palestra, Sala Massaggi su prenotazione